Allagamenti di Mollarella e Ufficio Tecnico, 4 consiglieri interrogano il sindaco Galanti

Mollarella allagata

Quattro consiglieri comunali di opposizione, Angelo Curella, Melania D’Orsi, Giovanni Spiteri ed Anna Triglia, hanno interrogato il sindaco Pino Galanti ed il presidente del consiglio comunale Giuseppe Russotto su due questioni: l’allagamento di Mollarella e la riorganizzazione dell’Ufficio Tecnico comunale.

Su Mollarella i consiglieri chiedono: “Quali iniziative a partire dal 12/11/2021, sono state intraprese nell’immediato per evitare il verificarsi di nuove e periodiche tracimazioni dei canali di scolo al fine di evitare l’allagamento delle campagne della piana di Licata e della zona di Mollarella? Quali determine e/o opere ha eseguito in somma urgenza per evitare tali allagamenti; Quali Organi competenti ha sollecitato (per iscritto) affinchè eseguissero i necessari lavori urgenti di sistemazione degli argini degli ormai famigerati canaloni, che, tracimano periodicamente. Quale programmazione a medio e lungo termine sta attivando/progettando per evitare il periodico e seriale allagamento della piana di Licata fino ad arrivare alla zona di Mollarella”.

Sull’ufficio tecnico l’opposizione scrive: “Considerato che, in seguito alle dichiarazioni iniziali di sindaco e giunta comunale – scrivono i consiglieri rispetto ad un “qualificato contributo per la progettazione e realizzazione di opere per il territorio”, pare che, la nomina di tale Dirigente nel 2020 abbia prodotto, tra i pochi risultati, un ”aggravamento” delle condizioni economiche dell’ente costretta a pagare lauti compensi. Chiediamo all’amministrazione comunale quali azioni intende intraprendere per procedere ad una riorganizzazione dell’Ufficio Tecnico Comunale, cuore pulsante dell’ attività ordinaria e di programmazione dell’ente”.

“Tante – concludono i quattro consiglieri comunali – le opportunità già perdute dalla comunità rispetto alla mancata presentazione di progetti, ma anche tanti i disservizi per i cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*