“Adotta un giusto”, la prima D dell’istituto “Francesco Giorgio” vince il premio nazionale

Campo di concentramento

La prima D della media “Gaetano De Pasquali”, dell’istituto “Francesco Giorgio”, ha vinto il concorso “Adotta un Giusto”, promosso dall’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, ed il 13 maggio ritirerà il premio nel capoluogo meneghino.

“E’ stato presentato – si legge in una nota della scuola – un delicato e acuto elaborato in cui si pone in relazione la tragica vicenda della Shoah e delle ingiuste leggi razziali con i fatti del tempo presente, a sottolineare il fatto che, per usare le parole di Liliana Segre, se non siamo vigili il male che abbiamo subito potrebbe tornare”.

“Attraverso l’accostamento – prosegue il documento – tra la storia dei coniugi milanesi Ballabio al tempo delle persecuzioni razziali, e la storia dei giovani Fatima e Farouk ai giorni nostri, passa l’insegnamento che il bene passa soprattutto attraverso le nostre piccole quotidiane scelte personali di giustizia, anche contro leggi inumane, come Antigone ci insegna. Le armi di cui disponiamo per combattere ogni rigurgito di intolleranza, di ingiustizia, di iniquità, risiedono nel cuore di ogni donna, uomo, ragazza, ragazzo, bambina e bambino di buona volontà: l’accettazione, la curiosità all’incontro con l’altro, la capacità di donare agli altri l’ascolto, il tempo e l’attenzione, la capacità di riportare alle giuste proporzioni, con l’aiuto della Storia, le nostre paure, preoccupazioni e speranze, la capacità e il coraggio di correre dei rischi, per una causa giusta”.

“Ai ragazzi della classe ID, supportati dalla loro docente, professoressa Nogara – aggiunge il preside del “Giorgio”, Francesco Catalano – e dagli altri docenti del consiglio di classe, va il mio personale ringraziamento, e l’augurio di continuare in questo percorso virtuoso. La cerimonia di premiazione avverrà lunedì 13 maggio a Milano, alle 9.30, Teatro Pime. La scuola sarà rappresentata dalle docenti Nogara e Damanti, e in rappresentanza dell’intera classe, da Sofia Giglia, che ritirerà il premio personalmente”.

(Foto Internet) 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*